Le Canarie riprendono il volo senza Thomas Cook

0
47

Le Canarie riprendono il volo senza Thomas Cook

L’Arcipelago recupera più di 700.000 posti per questo inverno, posti persi a causa del fallimento dell’operatore Thomas Cook

Quello che si è vissuto come un dramma, poco meno di due mesi fa, oggi è diventata speranza”. La speranza per le isole Canarie sono gli oltre 700.000 posti (precedentemente gestiti da Thomas Cook) recuperati dalle Isole Canarie, grazie al Gruppo Ving, Jet2 e Wizz Air, che garantiscono il mantenimento del 91% dei posti aerei previsti per una stagione invernale.

Il governo delle Isole Canarie comunica che i lavori sono ancora in corso, per raggiungere il 100% dell’offerta accumulata dal tour operator britannico scomparso.

Quasi due mesi dopo il crollo di Thomas Cook, il gigante britannico – che ha lasciato intrappolati 600.000 turisti nelle diverse destinazioni turistiche in cui operava – ritorna a riaffiorare con i 400.000 posti salvati dal magnate Petter Stordalen del gruppo Ving in Svezia, Danimarca , Norvegia e Finlandia, oltre ai 168.000 annunciati da Jet2 e ai 12.600 di Wizz Air, che garantiscono il recupero del 91% dei posti aerei previsti per la stagione invernale nelle Isole, per un totale di 700.000 posti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

+ 19 = 25