Canarie: l’albero di “Fuoco” a Tenerife

0

Canarie: l’albero di “Fuoco” a Tenerife

Nel periodo tra maggio e giugno nella zona di Tenerife, si può vedere un’esplosione di colori, dal punto di vista della flora. Ricordiamoci che è anche il periodo d’inflorescenza del Tajinaste Rojo, uno dei simboli dell’isola. Tra le piante spicca una delle più belle e spettacolari, a mio parere, sia per quantità di fiori prodotti ma soprattutto, per il colore rosso fuoco vivo degli stessi; la Delonix regia.

Questa pianta della famiglia delle Fabaceae (leguminose, una delle specie coltivate più antiche, di cui fanno parte specie super conosciute come il caiano, il fagiolo, il cece, l’arachide, e molti altri tra le quali si mette in luce la pianta della Mimosa, molto conosciuta soprattutto grazie alla ricorrenza della Festa della Donna). E’ originaria di un luogo ben lontano dalla nostra isoletta, spersa nel mezzo all’Atlantico, proviene dal Madagascar ed è conosciuta in molte parti del mondo, specialmente ai Tropici, come Flamboyant mentre in Italia è chiamata “Albero di fuoco”. La parola “Flamboyant” deriva dalla lingua francese e significa appunto “fiammeggiante” perché quando la pianta è in fiore, sembra quasi che stia ardendo, grazie al gran numero di fiori che è in grado di produrre e che ci lascia tutti stupefatti nell’ammirarla.

La dicitura “Delonix” è ovviamente una parola di origine greca e letteralmente significa “unghia all’ingiù” con riferimento all’aspetto dei petali di questa meravigliosa pianta, mentre “regia”rileva il portamento importante della specie. Nelle nostre zone la possiamo vedere un po’ ovunque in questo periodo, è un albero maestoso che può superare i quindici metri di altezza, con rami allargati portanti foglie bipennate ed una abbondante e spettacolare fioritura rosso-arancio.

Il frutto è un baccello lungo tra i 40 ed i 60 centimetri contenente alcune decine di semi oblunghi, scuri e striati sui bordi, che lontanamente ricordano i semi dei girasoli. Si riproduce, come una gran parte di piante anche per talea. Nelle zone tropicali, appunto come Tenerife, è spesso usata per adornare strade, giardini privati e parchi perché anche nel periodo di non fioritura è una meraviglia di pianta che con le sue fronde ci da la possibilità di riparaci dai cocenti raggi del sole.

 zona San Eugenio anno 2013

Consiglio a tutti quelli che visitano la nostra isola in questo periodo, di fare un salto nella zona di San Eugenio, nei pressi del centro commerciale, poiché la zona è ricca di queste piante ornamentali, ammirandole in tutto il suo splendore, magari scattando qualche foto sotto la sua chioma incandescente e perdersi tra i suoi fiori profumati. Ricordo a tutti che l’isola è la patria del vulcano Teide, che ha, qua è là, alcune delle sue lingue infuocate tra le quali spicca proprio l’Albero di Fuoco, che rappresenta senza dubbio, il cuore ardente del vulcano, che giace dormiente sotto i nostri piedi.

Ricordiamoci che è anche il periodo d’inflorescenza del Tajinaste Rojo, uno dei simboli dell’isola. Vai all’articolo Uno dei simboli di Tenerife: il Tajinaste 

foto ag

Testo Diego Lorenzoni.

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

− 2 = 1