Tenerife coronavirus. Incorporata la prima clinica privata alla rete ospedaliera

0

Tenerife. Incorporata la prima clinica privata alla rete ospedaliera

La Consejería de Sanidad del Gobierno de Canarias (Assessorato alla Salute del Governo delle Canarie) ha confermato ieri l’accorpamento alla rete ospedaliera di una clinica privata di Tenerife, dove verranno assistiti pazienti, di fronte alla crescente richiesta di ricoveri per il coronavirus Covid-19.

Si tratta della Clínica Vithas, a Santa Cruz de Tenerife, con 51 letti, ampliabili a 80, le cui installazioni sono state ottimizzate nelle ultime ore per l’utilizzo da parte della Consejería de Sanidad, come previsto dalla dichiarazione di Stato di emergenza.

L’idea è quella di utilizzare questo centro per i pazienti con patologie differenti al Covid-19 e liberare spazio presso l’Hospital Universitario de Canarias (HUC) e presso l’Hospital Universitario Nuestra Señora de La Candelaria (HUNSC), per concentrare in questi due centri la risposta immediata alla pandemia.

Sanidad ha spiegato che questo centro veniva utilizzato fino ad ora in modo “scarso e limitato”, e sarà adesso disponibile per assistere pazienti nei primi giorni di questa settimana.

Oltre ai letti ospedalieri, la Clínica Vithas dispone di una UCI (Unidad de cuidados intensivos – Unità di terapia intensiva), con uno spazio per accogliere cinque pazienti contemporaneamente, così come un servizio di radiodiagnostica e un laboratorio di test diagnostici.

La Dirección General de Salud Pública ritiene che il centro “semplifichi i circuiti di sicurezza per personale e pazienti”.

Il personale sanitario di questo centro sarà coordinato direttamente dall’Hospital Universitario Nuestra Señora de La Candelaria (HUNSC).

Questa decisione segue la necessità crescente di servizi ospedalieri per l’incidenza della pandemia di coronavirus COVID-19 nell’isola di Tenerife, la più colpita tra le isole con quasi due terzi dei casi totali.

Sanidad ha annunciato che a seconda delle necessità, questo tipo di interventi verranno ampliati, sia a Tenerife che nelle altre isole.

La Consejería sta definendo l’avvio di un ospedale da campo nell’area fieristica di Santa Cruz de Tenerife, in collaborazione con il Cabildo, l’Ayuntamiento de la ciudad, la Cruz Roja e la Delegazione del Governo, che coordina le unità militari d’intervento.

Nell’ospedale da campo si potranno assistere 180 pazienti affetti da coronavirus Covid-19 che necessitino di ricovero, ma non presentino un quadro clinico grave, perché la struttura servirà come risorsa di sostegno all’HUNSC e all’HUC.

Le Canarie hanno registrato 1.125 casi di Covid-19, per 425 si è reso necessario il ricovero ospedaliero e, tra questi, 78 in terapia intensiva (UCI) –(dati attualizzati a sabato 28 marzo, ore 20.00)

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

− 4 = 1