Tenerife. Macerazione carbonica: un tesoro di Tacoronte-Acentejo

0

Tenerife. Macerazione carbonica: un tesoro di Tacoronte-Acentejo

La tecnica della “macerazione carbonica” è caratterizzata dall’introduzione dei grappoli interi in un deposito chiuso, che viene successivamente saturato con gas carbonico. Questo tipo di elaborazione con uve intere e chiuse, produce dei vini giovani e fruttati che inebriano l’olfatto e il palato dei consumatori.

Normalmente sono i primi rossi della raccolta ad uscire sul mercato, visto che li troviamo già alla fine dello stesso anno di produzione. Si devono consumare ad una temperatura da 14 a 16 gradi, perché così si mantiene la pienezza aromatica, come anche la vivacità e la sensazione di freschezza in bocca.

Questi vini dai colori vivi, granata e rosso violaceo, conservano tutto il loro splendore e l’autenticità nel primo anno, e poi, a seconda della qualità, resistono ottimamente fino a tre anni.

Questi vini sono elaborati principalmente con la varietà di eccellenza della zona Tacoronte-Acentejo, che è il Listán Negro. I vini a macerazione carbonica di questa zona vitivinicola godono di prestigio regionale e nazionale.

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

22 + = 29