Recensione concerto “Mina: the music story” e i ringraziamenti di Jenny Rospo

0
710

Recensione concerto “Mina: the music story” e i ringraziamenti di Jenny Rospo

RECENSIONE Nel pomeriggio di Domenica 20 Gennaio ho avuto l’opportunità di partecipare, insieme a un nutrito gruppo di Puerto della Cruz organizzato da Canarie per Te di Rosa Cavaliere, al concerto di Jenny Rospo “Mina: the music story” , tenutosi nell’auditorium “Infanta Leonor” di Arona, a Tenerife Sud.

Non nascondo di essere salito sul pullman per Arona con la sottile diffidenza di imbattermi nella solita esibizione di emulazione per il tributo a un mito. Perché eseguire un repertorio della Tigre di Cremona richiede, obbligatoriamente, un mix di coraggio, di sana incoscienza e di impertinente consapevolezza delle proprie doti, vocali e carismatiche. Senza questi ingredienti, il confronto con una icona della musica leggera italiana e internazionale di quel calibro sarebbe improponibile e non darebbe scampo a qualsiasi artista che si avventuri nell’impresa.

Jenny Rospo, cantante di Vercelli trapiantata a Tenerife da 16 anni con la credenziale non da poco di talento tra i più puri e premiati della scuola di Mogol, ha saputo aggiungere altri due ingredienti che consentono di superare il diaframma di una semplice, buona esecuzione: l’umiltà e la sagacia di rimanere se stessa. Grazie a questi valori aggiunti, la carrellata dei successi e della storia umana e artistica di Mina, dagli inizi ai giorni, si è rivelata una vibrazione crescente di emozioni.

Jenny non ha imitato Mina ma l’ha interpretata, e anche benissimo, sfuggendo a un errore comune a tanti artisti che si cimentano nella esecuzione dei miti scimmiottandoli, in taluni casi “patologici” persino nel look e negli atteggiamenti, anzichè personalizzarne e soggettivarne il repertorio. Cio’ che, appunto, ha saputo fare Jenny la quale, accompagnata da una band di musicisti italiani di grande bravura, ha cantato Mina in chiave jazz e dintorni, con variazioni di altri generi musicali che non si sono comunque allontanati dall’impostazione jazzistica di fondo.

La capacità comunicativa di Jenny ha fatto il resto nel contribuire a creare un’atmosfera di magia, un’alchimia con il pubblico. Mina è stata sempre vicina e presente in tutta la sua avvenenza ma non in maniera invadente, e non soltanto attraverso il sobrio racconto biografico di Jenny e il tocco scenografico creato da foto e disegni di Mina proiettati in gigantografia, ma anche e soprattutto attraverso la voce dalle notevoli estensioni della sua interprete in piena sintonia con le note della sua ottima band. Non è sempre scontato che sia così quando in ballo c’è un mostro sacro della musica, peraltro carismaticamente ribelle alle convenzioni.

A rendere più accattivante e suggestivo lo spettacolo, i duetti con Jenny e gli intermezzi di vocalist talentuosi, navigati o giovanissimi. Freddy Martin Showman brillante e simpaticissimo, Eleonora Azzaro corista e cantante, la giovane voce esordiente di Vannessa Sicali, e il piccolo talentuoso Alvaro Tadeo Hernandez Rodriguez, le animazioni coreografiche dell’ Hip hop di _hArtCORE CREW, create da Ivan Marrero Bravo, eseguite da Aday,Ginevra,Kiara,Maria,Bea,Ivan.

Jenny Rospo ha apprezzato moltissimo la partecipazione in platea del corposo gruppo dei “puertisti”, che ha ringraziato in maniera calorosa e speciale. La realtà è che il privilegio è stato nostro. Sarebbe stato un peccato mortale perdersi un evento di cotanto spessore e le vibrazioni dell’anima che ne sono seguite. Anche durante il viaggio di ritorno a Puerto.

Ludovico Raimondi

JENNY ringrazia

Voglio dedicare un ringraziamento personale a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo evento, che avuto il successo meritato. Casa Italia, per aver creduto nel progetto, a Galli Event e a Canaria per te per la collaborazione dal Puerto de la Cruz. A Alejandra e Laura dell’ Accademia di Arte e Musica. Ad Antonina Giacobbe di Vivi Tenerife, per la stima e la fiducia che ripone in me da anni. A Ludovico Raimondi, per l’ articolo scritto con spontaneità e sincerità. Al produttore esecutivo Freddy Martin.

A voi tutti, pubblico del sud e del nord di Tenerife, che mi avete accolto con un caloroso benvenuto, partecipando con grande entusiasmo durante le oltre due ore di concerto, e che all’ultimo brano non avreste voluto che finisse. Grazie ai Giovani Ospiti Vanessa, Alvaro, Ivan, per aver accettato l’invito a unire un “Cult” della musica dando un tocco di freschezza e modernità, con il vostro gesto la speranza che la Musica quella vera, non morirà mai.

Jenny Rospo

 Eleonora Azzaro Freddy Martin Vanessa Sicali  Hip hop di _hArtCORE CREW Alvaro Tadeo Hernandez Rodriguez Victoria

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

− 2 = 8