Truffa case all’asta da 2 milioni di euro: i soldi riciclati in Bitcoin

0
301

Truffa case all’asta da 2 milioni di euro: i soldi riciclati in Bitcoin

Siti fake curati pubblicizzavano case all’asta e ingenti somme di denaro sono state riciclate in Bitcoin.

La Polizia locale di Milano ha messo sotto indagine tre persone nel Napoletano nell’ambito dell’inchiesta sulla truffa delle case all’asta. Gli indagati sono accusati di truffa e riciclaggio. I soldi ottenuti dagli ignari clienti venivano infatti riciclati in Bitcoin, la criptovaluta più conosciuta a livello mondiale (e quella dalla più alta capitalizzazione azionaria (circa 140 miliardi di dollari).
Eugenio Fuscas (Polizia locale di Milano) ha lanciato un appello-denuncia in occasione dell’incontro con la stampa avvenuto questa settimana, in concomitanza con le indagini su tre persone a cui è stato sequestrato un ingente quantitativo di denaro e beni per una somma pari a 300 mila euro. Il procuratore aggiunto ha sottolineato che “tutti possono essere vittima di reati di questo tipo”.

Come funziona la truffa delle case all’asta

I truffatori pubblicizzano la vendita di case all’asta su siti Internet dall’aspetto curato. In pochi si accorgono che… >> continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

4 + 2 =